L’essere umano, esistente concreto, è l’assoluto morale della Bioetica
Kowalski / 5 Aprile 2019

  L’essere umano, esistente concreto, è l’assoluto morale della Bioetica L’attuale crisi economica globale mostra indubbiamente a che cosa possa aggiungere l’economia senza l’etica e la coscienza. Nel dibattito pubblico sui temi salienti della biomedicina e biotecnologia si osserva anche una sbrigativa espulsione dell’etica in nome di un assunto, noto come “imperativo tecnologico”, per il quale si darebbe una perfetta coincidenza tra la mera fattibilità tecnica e la liceità morale. In tal modo, molti economisti e politici, hanno dimenticato che soggetto di ogni attività umana è sempre l’uomo stesso. L’attività biomedica non si svolge per il bene dell’uomo in generale o per l’umanità ma per il bene del paziente – la persona sofferente. Il paziente è quest’uomo, questa donna concreta che ho qui, ora, davanti a me. È questa persona che soffre o che sta per nascere e ha bisogno della cura di un altro uomo. Il medico non è uno che sacrifica alcuni per il bene degli altri o per la scienza o per il futuro della specie umana, ma si pone al servizio delle singole persone. Similmente alla società che è per l’uomo e non l’uomo per la società, così la tecno-scienza è per l’uomo e non l’uomo…

The Politics of Migration: a Total Eclipse of Faith by Ideology?
McKeever / 29 Marzo 2019

  The Politics of Migration: a Total Eclipse of Faith by Ideology? On the 25th February 2019 there was a panel discussion in the Alphonsian Academy, Rome, on “Faith and Ideology”. It is a vast question which embraces many forms of faith, many forms of ideology and the various forms of interaction between the two. This interaction, often conflictual in nature, manifests itself in the context of numerous concrete questions of our time: the environment, Islamic terrorism, nuclear rearmament and so forth. In this short piece we will consider how faith and ideology interact when faced with the question of migration. There is a real danger that ideology, in its various forms, is in danger of producing a total eclipse of Christian faith on this question. To understand this metaphor we may think of the Christian faith as the Sun (the “light of the world”, in scriptural terms). This Sun sheds light on all human history, including the contemporary history of migration. It allows us to view this immensely complex question with faith, hope, charity, justice and truth. The metaphor of the total eclipse suggests that the light of the Sun is blocked out by the Moon, which intervenes between…