docenti

Preghiera di S. Alfonso, vera Comunione spirituale, intervista a Padre Majorano

 

 

Il Padre Sabatino Majorano, professore emerito dell’Accademia, ha rilasciato un’intervista a Vatican News  sulla  preghiera di S. Alfonso Maria de’ Liguori per la Comunione spirituale.

«Le parole di questa preghiera sono entrate nella pietà popolare. Non è una prassi sostitutiva della Comunione eucaristica. Ma è integrativa e preparativa alla Comunione eucaristica. Naturalmente, in momenti in cui non è possibile ricevere la Comunione eucaristica, quella spirituale ha tutto il suo valore»…….(Continua a leggere)

Un grazie sincero al Prof. Álvaro Córdoba Chaves

 

 

Come Accademia ci sentiamo di rivolgere un grazie sincero al prof. Álvaro Córdoba Chaves, docente invitato di Metodologia tecnica, da pochi mesi rientrato in Colombia, suo Paese natio, dopo più di 25 anni a servizio della nostra Accademia e dell’Archivio Storico Redentorista. Il prof. Córdoba ha insegnato all’Accademia Alfonsiana, come professore invitato, dal 1994 al 2014 per poi dedicarsi, negli ultimi sei anni, alla sola ricerca storica.

Padre Álvaro, nato il 16 aprile 1945, è entrato da giovanissimo tra i redentoristi, emettendo la professione religiosa nella Congregazione del Santissimo Redentore nel 1962, per essere ordinato sacerdote a Bogotà, da Paolo VI, il 22 agosto 1968.

La formazione culturale del p. Cordoba è stata ricca ed articolata. Dopo la formazione secondaria ha proseguito gli studi nella Facoltà di Filosofia e Lettere della Pontificia Universidad Javeriana di Bogotá, dove ha ottenuto la Licenza in Philosophia et Litteris Historia in specie, il 17 dicembre 1976. Ha proseguito la sua formazione accademica con il dottorato in Storia nella Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Universidad Javeriana de Bogotá 10 settembre 1982, per poi continuare i suoi studi a Roma presso la Facoltà di Storia Ecclesiastica della Pontificia Università Gregoriana, dove ha ottenuto il diploma di licenza in Historia Ecclesiastica il 24 giugno 1988.

Dopo le prime esperienze pastorali, dal 1970-1974, è stato chiamato, dai suoi superiori, ad insegnare spagnolo, letteratura, geografia, storia, catechesi, nei Seminari Minori Redentoristi di San Cipriano a Bogotá, di San Alfonso a Piedecuesta, e nella Escuela Hogar Nacional en Piedecuesta; dal 1977-1983 ha insegnato Cultura Colombiana nella Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Universidad Javeriana di Bogotà, inoltre è stato docente di Storia nel Centro de Pastoral y Filosofía (CEPAF) di Bogotà.

All’attività accademica ha affiancato anche responsabile all’interno della sua provincia religiosa. Infatti è stato superiore ed economo nel Seminario Maggiore Sant’Alfonso di Suba, Consigliere provinciale straordinario; dal 1984-1986 è stato Direttore del Seminario Minore della comunità di San Alfonso (Piedecuesta – Colombia) e Rettore della stessa comunità locale, nonché vicario della parrocchia di san Gerardo a Bogotà.

Dal 1993-2014 inizia a lavorare stabilmente nel campo della ricerca della storia dei redentoristi in America Latina producendo vari articoli e testi. Questi anni corrispondono, in buona parte, con la sua permanenza a Roma dove alterna l’insegnamento della metodologia in Accademia alla ricerca storica come membro dell’Istituto storico redentorista.

Nel 1994 inizia la sua collaborazione attiva con l’Accademia Alfonsiana come professore invitato nell’area della Metodologia tecnica. In Accademia Alfonsiana oltre a tenere regolamento il corso di metodologia tecnica, ha guidato, per anni, gli studenti nell’arte della lettura critica e della recensione di articoli e libri. Ha aiutato tantissimi studenti con la correzione della metodologia delle loro tesi, oltre ad essere stato apprezzato secondo moderatore di licenze e dottorati. Per anni, pur non essendo membro della redazione di Studia Moralia, ha revisionato le bozze degli articoli e si è occupato di tradurne tanti altri testi.

Cosa aggiungere ancora a questo nostro valido compagno di apostolato in Accademia se non un grazie di cuore, augurandogli il meglio per gli anni futuri.

 

Un grazie sincero al prof. Sabatino Majorano

 

Con queste poche righe vogliamo ringraziare il prof. Sabatino Majorano per i suoi 45 anni di insegnamento al servizio di tanti giovani che hanno studiato all’Accademia Alfonsiana. Dal 1° ottobre 2019 diventa docente emerito a tutti gli effetti.

Il prof. Majorano subito dopo l’ordinazione venne inviato a Roma per conseguire la licenza in teologia morale e successivamente il dottorato per espressa volontà del Moderatore Generale del tempo. Conseguita la licenza nel 1971 fu richiamato in Provincia per un triennio dove ha svolto il servizio di formatore dei futuri missionari redentoristi della provincia di Napoli e di docente presso lo studentato redentorista napoletano (1972-1975). Nel 1975 è richiamato a Roma per terminare gli studi in vista dell’inserimento attivo tra il corpo docente dell’alfonsianum. Nel 1977 consegue il dottorato sotto la direzione del prof. Domenico Capone, C.Ss.R. Già prima di conseguire il dottorato è assistente dei professori Capone e Bernhard Häring, C.Ss.R. Dal 1978 ha iniziato a dare in Accademia Alfonsiana corsi propri come docente inviato.

Negli anni 1978-1982 ha insegnato teologia morale, come docente invitato, presso la Pontificia Facoltà Teologica “Marianum” di Roma.

Dal 1982 al 1993 è stato professore invitato presso la Pontificia Università Gregoriana (Istituto di scienze religiose) e presso la Facoltà di Teologia negli anni 2007-2010.

Dal 1988 al 1993 e poi dal 2011 al 2016 ha insegnato teologia morale nel seminario regionale di Chieti.

Dal 1989 al 2019 ha dato corsi annuali, come professore invitato, presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale.

Dal 1996 al 2016 è stato professore invitato presso la Pontificia Università Urbaniana.

Dal 2010 ha intrapreso una collaborazione semestrale con il Seminario Regionale di Anagni (Roma).

Ha inoltre tenuto corsi presso diversi Istituti di Scienze Religiose e Scuole di Formazione Socio-politica (Caymari – Roma; Capua; Piedimonte Matese, Nocera Inferiore).

È stato vicepreside dell’Accademia dal 1995 al 2001 quando è stato eletto Preside della stessa prestigiosa Istituzione fino al 2008.

Al raggiungimento del 75°, nello scorso mese di maggio, dopo aver concluso il suo ultimo corso è stato richiamato dai suoi Superiori nella Provincia religiosa di appartenenza dove è impegnato nella formazione continua dei confessori esercitando in prima persona questo delicato ministero.

Nei 45 anni di insegnamento in Accademia, e nella sola istituzione Redentorista, ha offerto più di 80 corsi, senza contare i seminari. Ha diretto 213 dottorati come primo moderatore, 54 come secondo e 278 tesi di licenza. Solo elencando questi numeri si può capire la mole di lavoro intellettuale di questo nostro docente non sostituibile. Anche se ritornato in Provincia porterà a termine i lavori di moderazione delle tesi, dove è primo moderatore iniziati prima di diventare merito, ed offrirà ancora il suo contributo alla Congregazione delle Cause dei Santi e alla Segreteria del Sinodo.

Autore di numerosi libri, articoli e contributi il pensiero teologico del prof. Majorano si può riassumere con una frase “Fedeli alla chenosi del redentore”.

Infatti in tutti questi anni di studio ed insegnamento, la sua ricerca è stata guidata dalle istanze conciliari inerenti una teologia morale rinnovata. In modo particolare ha perseguito la strada dell’articolazione teologica, centrata sul mistero del Cristo, visto non solo come fondamento e contenuto, ma anche come “via”. Di qui la scelta per una teologia morale fedele alla chenosi misericordiosa (copiosa redemptio). Da questa scelta di fondo deriva in Majorano una proposta teologico-morale capace di superare la riduzione casistico-normativa e di aprirsi alla prospettiva vocazionale alla santità. In coerenza con Gaudium et spes n. 16, egli si è impegnato ad approfondire la tematica della coscienza e della sua formazione, in ascolto dei dati esperienziali e delle scienze, inserendoli però in un percorso specificamente teologico, teso a sottolineare la profondità misterica della coscienza come “sunmarturia” dello Spirito. In particolare, il magistero del prof. Majorano ha sempre avuto a cuore un contatto con la pastorale, dovendo la teologia far suo il linguaggio del popolo. Da questa preoccupazione costante è scaturito l’impegno continuo per l’aggiornamento del clero e per la divulgazione della morale come pratica pastorale[1].

Al professore Majorano possiamo solo dire Grazie per la testimonianza di viva memoria del redentore che ha saputo trasmettere ad intere generazioni di studenti.

[1] Per approfondire il pensiero del prof. S. Majorano cf. A. V. Amarante, Fedeli alla chenosi del Redentore. Scritti in onore di Sabatino Majorano, Ed. Dehoniane, Bologna 2014.

Per il bene possibile della coppia. Sessualità, dilemmi etici e vita reale

 

Per il bene possibile della coppia. Sessualità, dilemmi etici e vita reale
Del Missier – R. Massaro – P. Contini
Prefazione di M.P. Faggioni

Descrizione

La Chiesa ha davvero perso ogni credibilità in materia di morale sessuale? Un’indagine tra gli operatori pastorali laici in Italia ci aiuta a dare una risposta al fine di elaborare una teologia morale che parte dal basso, abbandonando i rigidi schemi deduttivi, capace di ascoltare il senso comune dei fedeli e di mettersi in continuo discernimento per trovare le risposte ai grandi dilemmi morali e ridonare una voce chiara e dimessa a una Chiesa considerata una “muta urlatrice” soprattutto quando affronta i temi della sessualità, del matrimonio e della famiglia.

Sommario

Prefazione (M.P. Faggioni). Introduzione. I.  Humanae vitae: genesi e accoglienza. II. Sessualità tra passato e presente. III. Situazioni cosiddette «irregolari». IV. Procreazione medicalmente assistita. V. Pianificazione familiare. VI.  Rapporti prematrimoniali. VII. Sguardo verso il futuro.

Autori

Giovanni Del Missier, teologo moralista, è docente all’Accademia Alfonsiana e professore invitato nelle Pontificie Università Lateranense, Gregoriana e Urbaniana.

Roberto Massaro insegna Teologia Morale alla Facoltà Teologica Pugliese ed è Rettore del Seminario Diocesano San Michele Arcangelo di Conversano.

Paolo Contini, sociologo, è docente alla Facoltà Teologica Pugliese e all’Istituto di Scienze Religiose San Sabino di Bari.

Maurizio Pietro Faggioni, ordinario di Bioetica all’Accademia Alfonsiana di Roma e professore invitato alla Pontificia Università Antonianum e alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale, è consultore della Congregazione per la Dottrina della Fede e della Congregazione per le cause dei santi.