Libero accesso alla Biblioteca Mondiale dell’UNESCO

 

(Fonte foto: www.libreriamo.it)

Centinaia di volumi, ma anche antiche mappe, fotografie e filmati da tutto il mondo: il patrimonio custodito dalla Biblioteca Mondiale dell’UNESCO è davvero immenso.

Centinaia di volumi, antiche mappe, fotografie e filmati da tutto il mondo: il patrimonio digitale custodito dalla Biblioteca Mondiale dell’Unesco è davvero immenso. Come regalo ai cittadini, in questo momento difficile, la Biblioteca ha scelto di dare libero accesso al suo patrimonio. Un’occasione unica per riscoprire le antiche radici comuni, nel segno dell’amicizia e della solidarietà fra i popoli. Ma anche per scoprire tutti i grandi tesori letterari e culturali mondiali conservati nelle più famose biblioteche. Con particolare attenzione a manoscritti, lettere, libri rari, film e illustrazioni provenienti anche dall’emisfero orientale.

La Biblioteca Mondiale dell’UNESCO

La Biblioteca digitale dell’UNESCO è uno strumento chiave per consentire alla missione dell’UNESCO di costruire la pace nelle menti delle persone. Lo fa, promuovendo la conoscenza e la comprensione reciproche, incoraggiando la cooperazione tra le nazioni in tutti i campi dell’attività intellettuale. Tra questi, rientra lo scambio continuo e reciproco di pubblicazioni, manufatti di interesse artistico e scientifico.

Un patrimonio immenso

La Biblioteca digitale dell’UNESCO è costantemente arricchita da nuove pubblicazioni e documenti prodotti dall’UNESCO. Nonché da acquisizioni, risorse condivise da altre istituzioni e donazioni. Inoltre, ogni giorno vengono prodotti nuovi materiali digitali nell’ambito di un importante progetto in corso. Si chiama “Digitalizzare la nostra storia Unesco condivisa” e prevede di trasformare migliaia di vecchi articoli in documenti elettronici, così da poter essere condivisi.

Come navigare nella biblioteca

Per scoprire l’immenso patrimonio custodito, vi consigliamo di esplorare per categoria (libri, filmati, registrazioni sonore). Oppure, potete selezionare il Paese di provenienza; se, ad esempio, siete curiosi di scoprire i manufatti che arrivano dalla vostra stessa regione.

Clicca qui, per leggere i quotidiani dal 1848 in poi.

Clicca qui, per vedere i primi filmati in bianco e nero.

(Fonte: www.libreriamo.it)

Potrebbero interessarti anche...